Aggiornamenti da Massa di Pollena

 

Riporto il nuovo articolo di Gianluca La Stampa che ci aggiorna sugli ultimi avvenimenti dell’immaginario (ma nemmeno tanto) comune di Massa di Pollena.

 

Love Party.JPG

MASSA DI POLLENA – Una nuova bufera è scoppiata nel piccolo comune vesuviano di Massa di Pollena. Non bastava l’emergenza rifiuti e lo scandaloso stato di salute delle vie di comunicazione: a inquietare la vita pubblica comunale si è aggiunta anche la spaccatura in seno alla Maggioranza di Centro-Destra-Sinistra che sostiene il sindaco Cappinri.


A far scoppiare la scintilla la proposta dell’Assessore al Commercio Francesco De Navasso che ha invitato la dirigenza del suo partito a ribattezzare lo stesso in Love Party, per offrire una testimonianza tangibile di quanto sia importante l’amore in opposizione all’odio politico all’interno dello schieramento. Dura la risposta dell’ala più conservatrice del partito che ha preferito fuoriuscire piuttosto che rimanere in un partito italiano dal nome straniero. «Un grave affronto alla memoria e alla storia nazionale – ha sottolineato Giuseppe Esposito, il punto di riferimento della neonata corrente politica – affronto al quale non possiamo non reagire in maniera forte: ritireremo l’appoggio all’attuale Amministrazione».


«Facciano ciò che voglio, non sarà un problema per noi» la risposta stizzita di De Navasso che ha anche fatto riferimento alle beghe interne all’Opposizione, che si mostra così incapace di sfruttare appieno il momento di vulnerabilità della Maggioranza.


«Le nostre liti nascono per solidarietà e spirito cavalleresco. Non è giusto, infatti, approfittare degli sbagli altrui» ha commentato Ferdinando Cappinri, che oltre a essere Primo Cittadino e leader del Pdl di Massa di Pollena è anche un esponente di spicco del Pd locale. E così il principale partito d’Opposizione ha preso a spaccarsi al proprio interno, litigando su questioni varie quanto futili. «In effetti avevamo litigato già su ogni motivo serio – ha continuato – quindi siamo passati a quelli meno importanti».


Le divisioni interne agli schieramenti non hanno però impedito al Consiglio Comunale di votare all’unanimità l’espulsione dalla Pubblica Assise di Andrea Navino, reo di aver attentato alla dignità dei Consiglieri e dei politici tutti di Massa di Pollena. L’ex Consigliere Comunale avrebbe pronunciato la scandalosa frase: «Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur» mentre a Roma si discute, Sagunto viene espugnata, riferendosi al comportamento dei politici del territorio, occupati nelle loro faccende e liti personali piuttosto che nei tentativi di risolvere i problemi reali della cittadinanza.

 

Gianluca La Stampa

Aggiornamenti da Massa di Pollenaultima modifica: 2010-11-29T12:38:00+00:00da carminedecicco
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Aggiornamenti da Massa di Pollena

Lascia un commento