La neve agognata

 

Prima di accendere la solita sigaretta del dopocena, Patrizia si diresse alla finestra del salone e lanciò un’attenta occhiata fuori. Vide l’insegna del bar ancora accesa, sebbene la serranda fosse abbassata, vide un paio di macchine posteggiate alla bell’e meglio accanto all’ingresso della chiesa, vide perfino qualche ragazzo seduto sulla panchina a chiacchierare, nonostante le temperature prossime allo zero, ma della neve non c’era alcuna traccia. La televisione andava continuamente ripetendo che in quella freddissima settimana di febbraio sarebbe nevicato anche lì, nel suo paese, ma a quanto pareva gli esperti si erano sbagliati. O forse, pensò la donna sedendosi accanto al termosifone e ispirando profondamente il fumo appena nato, non è ancora giunto il momento giusto. Da quando aveva sentito parlare del clima più rigido degli ultimi trenta anni, Patrizia si era regolarmente affacciata da finestre e porte ad ogni occasione. Sperava con gioia fanciullesca di veder cadere i bianchi fiocchi dal cielo, uno spettacolo al quale non era certo abituata. Desiderava da sempre – da sempre – vedere la neve, a dispetto del suo essere freddolosa. Le sarebbe piaciuto tantissimo guardare il giardino di casa sua completamente imbiancato, scattare foto, scendere a toccare con mano il candido manto piovuto dal cielo e disteso sul terreno di solito così scuro. Probabilmente avrebbe cominciato a chiamare a voce alta i suoi figli intimandoli di correre lì da lei, ché nevicava, e poi senza aspettarli si sarebbe incappottata e sarebbe corsa incontro alla neve. Già, sarebbe successo pressappoco così. Ma i fiocchi non si decidevano a cadere, e Patrizia continuava ad aspettare…

Neve,freddo,gelo,febbraio,inverno,fiocchi di neve,desiderio,settimana,manto bianco,morsa del gelo

 

La neve agognataultima modifica: 2012-02-08T19:07:00+00:00da carminedecicco
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “La neve agognata

  1. Le attese quest’anno a Roma non sono state deluse e probabilmente domani si bissa! Nonostante i disagi e il mio odio atavico per il freddo davvero un piacere per gli occhi svegliarsi immersi nell’infinito bianco!
    Ciao
    Andrea

  2. Mi auguro che questa neve almeno un giorno si decida a cadere anche nel giardino di Patrizia, perché è così bello essere felici anche solo per un evento per molti insignificante perché quotidiano, ma che ci ricorda quanto in noi resista lo spirito di bambini, nonostante tutto, nonostante gli anni che passano….

  3. ciao Carmine,
    auguro a questa Patrizia di non essere la moglie di Alemanno…..
    Bravo come sempre e questa volta ho imparato come si scrive “bell’e”.
    Buona giornata. robi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*