Il recupero dopo Santo Stefano

 

santo stefano,feste,natale,cenone,vigilia di natale,recupero,blog life,regali,giorni di festa,tradizioni

Bene, ce l’abbiamo fatta! Abbiamo superato indenni le catastrofiche interpretazioni della profezia dei Maya e soprattutto il trittico di feste più amato-odiato dell’anno: la Vigilia, Natale e Santo Stefano. Sì, abbiamo messo qualche chilo in più, abbiamo valori del sangue alterati e qualche nuova maglietta che proprio non ci piace nascosta in fondo all’armadio, ma nonostante il traffico, lo stress da regali, i tanti parenti stretti e “laschi” incontrati in questi giorni, perfino i tweet di Mario Monti, noi siamo ancora qui.

Tempo un paio di giorni e un nuovo cenone sconvolgerà i nostri equilibri intestinali, torneremo a bere e a brindare, a mangiare fino a scoppiare. Giocheremo ancora a carte, a Sinco, a tombola e faremo le ore piccole per poi svegliarci stanchi e pieni di cose da fare. Ma in fondo va bene così, non trovate?

«Quando c’è la salute c’è tutto» dice un vecchio adagio popolare che non mi è stato mai particolarmente simpatico e che, a rigor di logica, non dovrei ripetere. Ma tant’è, e così aspettando lunedì sera se siamo fortunati ci godiamo i regali ricevuti a Natale, altrimenti passiamo da un negozio ad un altro per cambiare quelli che proprio non vanno bene o più semplicemente non ci piacciono affatto. In entrambi i casi, tuttavia, cerchiamo di recuperare dalle fatiche enogastronomiche dei giorni scorsi.

Io, a esempio, stasera ho in programma riso in bianco e spinaci all’insalata. Non che serva a molto stante la mia volontà di assaggiar di nuovo noccioline americane, pistacchi, struffoli, roccocò, mostaccioli, pandoro e panettone, ma male non mi faranno. Poi, dopo cena, seguiranno le immancabili letture natalizie alla luce di candele e lampade dalla luce soffusa. Tempo fa leggevo libri di carta, adesso ebook e molti più fumetti, ma in fondo il piacere è lo stesso.

Buon recupero a tutti!

Il recupero dopo Santo Stefanoultima modifica: 2012-12-27T20:15:21+00:00da carminedecicco
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Il recupero dopo Santo Stefano

  1. io ho ricuperato un raffreddore da mille fazzoletti al giorno che mi aiuta (con il rifiuto di cibo) a smaltire la tre giorni di esagerazioni.

    Se domani starò un pò meglio mi butterò sul riso in bianco che guarisce tutti i mali del mondo (così mi preparo alla ciotola giornaliera delle prossime manovre economiche…).

    Ciao Carmine, buon capodanno. robi

Lascia un commento