Gelido risveglio

Giorno della memoriaQuando la sveglia ha strillato interrompendo il silenzio dell’alba mi sono reso conto quanto davvero avessi dormito male. Male per il freddo, che ha preso a stringere, come in una morsa silenziosa, il Vesuvio e le città che si affollano alle sue pendici. Nottetempo, mi sono alzato dal letto la prima volta per prendere un’ulteriore coperta con la quale difendermi dal gelo notturno, la seconda volta per prendere un’ulteriore maglia del pigiama. Ma anche se non ho più abbandonato il mio giaciglio, mi sono più volte rannicchiato, girato e rigirato, per cercare – ahimè, invano – un’improbabile fonte di calore sotto le pesanti coperte.

Dopo la sveglia sono andato in cucina e prima ancora di accendere la luce e mettere il caffè sul fuoco ho acceso la stufa, provando a ristorarmi grazie al suo calore.

Poi ho pensato, nel Giorno della Memoria, alle vittime dell’Olocausto. Per loro il freddo non era la cosa peggiore. Al risveglio dopo una notte gelata e forse insonne, non avevano stufe né macchinette del caffè. Forse non avevano nemmeno la forza di pensarci, di desiderarle. Non avevano prospettive, ma solo dolore.

Nel Giorno della Memoria ho pensato agli ebrei, vittime di una delle stragi più crudeli della storia dell’umanità. Ho pensato alla necessità di conoscere e ricordare, per provare a evitare in futuro analoghi olocausti.

Ho pensato alle vittime di tutte le stragi, i genocidi, le pulizie etniche, le conquiste, gli sfruttamenti. Agli ebrei, agli indiani d’America, agli ucraini vittime dell’Holodomor. Ai profughi che muoiono inghiottiti dal Mediterraneo, ai civili vittime di guerre a loro del tutto estranee.

Ho pensato alla Storia, che non è affatto magistra vitae, ma che è fatta di corsi e ricorsi, di errori ed errori. E mi sono chiesto: a che serve ricordare, se poi non si riesce a cambiare?

Fonte foto: rete intenet

Gelido risveglioultima modifica: 2014-01-27T18:08:18+00:00da carminedecicco
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*