Inizia un altro Autunno

Autunno

Comincia oggi la mia stagione preferita, l’Autunno. Pur non dispiacendomi alcuna stagione dell’anno prediligo questa perché non è carica delle promesse illusorie che la Primavera porta con sé, perché non avvince tutto con la sua forza eccessiva come l’Estate, perché non è severa come l’Inverno. L’Autunno è bellezza e saggezza. È colore e languore, regala tempo per riflettere e ispirazione … Continua a leggere

Mia Martini e gli aneddoti della mia terra

Mimì

Ieri mattina a Somma Vesuviana si è tenuta la presentazione del concerto-spettacolo dedicato a Mia Martini e programmato per il prossimo 12 maggio, al Teatro Summarte, sempre a Somma. All’evento ho partecipato in qualità di giornalista del Roma, realizzando poi un articolo (che chi vuole ulteriori informazioni può leggere qui) che ovviamente non ha potuto contenere tutto. In particolare è … Continua a leggere

Sulle opinioni mie e altrui e sulla necessità di condividerle

commenti-ps

Faccio il giornalista da oltre cinque anni e mezzo. Quotidianamente, tra carta stampata, riviste online e blog scrivo non meno di una decina di articoli. Incontro gente, scatto foto, faccio interviste. Ricevo telefonate, invio email, rivolto i social network a caccia di storie interessanti. Stimolo polemiche, talvolta. Mi occupo di cronaca, politica locale e fumetti. Ma anche di eventi e … Continua a leggere

La prima volta, quella che non si scorda mai

Ora Vesuviana - Febbraio 2014_Pagina_22

Torno, dopo vari mesi, a firmare un articolo di giornale su un cartaceo. Questa volta lo faccio sull’Ora Vesuviana, che racconta da oltre dieci anni fatti e misfatti ai piedi del vulcano più famoso del mondo. Sul numero di febbraio ho apposto la firma a un articolo sui principali appuntamenti del Carnevale in Campania. Una nuova prima volta, dunque, quella … Continua a leggere

Gelido risveglio

Giorno della memoria

Quando la sveglia ha strillato interrompendo il silenzio dell’alba mi sono reso conto quanto davvero avessi dormito male. Male per il freddo, che ha preso a stringere, come in una morsa silenziosa, il Vesuvio e le città che si affollano alle sue pendici. Nottetempo, mi sono alzato dal letto la prima volta per prendere un’ulteriore coperta con la quale difendermi … Continua a leggere

A un colloquio di lavoro

Curriculum vitae

Accade che, dopo cinque anni di studio e sacrificio, ti laurei col massimo dei voti. E non in un’università tipo quella che ha frequentato Renzo Bossi, che paghi e ti danno il pezzo di carta. E non in una facoltà che sarà pure bella, ma che sbocchi ti offre? Ti laurei in Economia, alla Federico II, con 110 e lode. … Continua a leggere

Su EFP e fanfiction

Ieri sera un disservizio di EFP ha mandato migliaia di utenti di Twitter in crisi: sono fioccate decine, centinaia di cinguettii che commentavano lo stato di salute del noto sito di fanfiction. «A me non va!», «Cosa leggerò stasera?», «EFP sembra essere resuscitato!»: era questo il genere di commenti che ha affollato il social network dei 140 caratteri per diverse … Continua a leggere

Il giorno dopo San Valentino

San Valentino

A me sta cosa del sanvalentino proprio non va giù. Non è che sia una di quelle donne anticonformiste o una di quelle altre, le eterne insoddisfatte. Il fatto è un altro, e adesso ve lo spiego. Ieri siamo andati al ristorante, mica in una semplice pizzeria. Lo riconosco. Mi ha anche detto che potevo ordinare ciò che volevo. Antipasto, … Continua a leggere

Su Starbooks, ebook e Twitter

Navigando nelle acque ora calme ora grosse di internet, ci si può imbattere in tutto e nel contrario di tutto. Capita ora ai naviganti di incrociare isole popolate da troll, di incappare su Facebook in foto di animali torturati e seviziati, ora, lasciato dietro a sé mar sì crudele, di correr migliori acque (ve lo ricordate Dante?). E le migliori … Continua a leggere

La potenza della scrittura ovvero elucubrazioni sconnesse su scrittura e scriventi

      Qui ho pubblicato alcuni versi scritti non molti giorni fa. Parlano di quello che preferisco chiamare il giorno dei morti piuttosto che la ricorrenza della commemorazione dei defunti. Loro tema centrale è il cero che arde nel corso di quella giornata, ma anche delle sere immediatamente successive e precedenti. Un’usanza, questa, che io stesso tengo vivo. Del … Continua a leggere