La festa di Halloween

  La stanza straripava di addobbi: su ogni mensola e mobile vi erano fantasmi, zucchette e streghe portacandele che proiettavano nella penombra della camera inquietanti ombre sui muri. Si sentiva un intenso odore di cera a causa di tutte le piccole fiammelle che ardevano sulle candele. Festoni e scheletri pendevano dal soffitto e dalla rampa di scale che serviva a … Continua a leggere

La disavventura di Borol nella sera di Halloween

C’era una volta, neanche troppo tempo fa, un uomo grande e grosso di nome Borol. Nonostante egli fosse già un adulto, si divertiva moltissimo a fare scherzi paurosi e di cattivo gusto a quanti passavano vicino casa sua. La sue vittime erano un po’ tutti, ma Borol amava soprattutto metter paura ai bambini, specialmente a quelli piccoli. Questi, poverini, non … Continua a leggere

Sangue e idromele – parte terza

«Il prossimo sarò io» ripeté, come parlando agli alberi che costeggiavano il sentiero. Ma non fuggì, o almeno, non lo fece immediatamente. Fu infatti paralizzato da un’intuizione. Aveva capito chi c’era dietro quelle due morti. Istintivamente mise la mano sinistra sul cuore, dove, riposte in una tasca della giacca, custodiva le due buste piene di soldi che aveva prelevato in … Continua a leggere

Sangue e idromele – parte seconda

Dopo la breve interruzione, pubblico ora la seconda parte del racconto “Sangue e idromele”, ricordando a chi se lo fosse perso che l’inizio si può leggere qui. Già, il prima possibile. Era dunque per questo che da quando con l’automobile aveva lasciato il garage della sua casa nella Napoli bene non aveva fatto altro che correre, desiderando di arrivare quanto … Continua a leggere

La prova – Un racconto di Halloween

Interrompo brevemente la pubblicazione a puntate del racconto “Sangue e idromele” per condividere con quanti avranno la pazienza di leggerlo un pdf sul quale ho riportato un racconto dedicato all’imminente festa di Halloween. La storia, caratterizzata da una lunghissima gestazione, è stata pubblicata a tasselli su questo sito e si è conclusa definitivamente lo scorso anno, all’incirca in questo stesso … Continua a leggere

Sangue e idromele – parte prima

La grossa automobile nera accostò lenta davanti allo spesso portone di ferro che centreggiava nell’enorme parete disadorna dell’edificio. Squadrato e isolato, questo si estendeva per chilometri e chilometri in quella zona sperduta, circondato da terreni incolti e capannoni dismessi. Non appena il motore della vettura si spense ne scese un uomo barbuto, non molto alto, ma ben piantato. Era vestito … Continua a leggere

La notte di Halloween (3 di 3)

        Yorick fissava la pioggia cadere con insistenza sempre maggiore, senza tuttavia avvertire la necessità di trovare riparo. Del resto, nemmeno il suo padrone si era espresso in tal senso: continuava a stare in ginocchio dinanzi alla tomba del figlio. Qualche minuto prima aveva terminato l’orazione, e ora restava in trepidante attesa, nonostante si stesse inzuppando sempre … Continua a leggere

La notte di Halloween (2 di 3)

    Un forte odore di sangue riempiva la stanza, completamente immersa nel buio. Il silenzio che entro vi regnava fu rotto da un rumore di tessuto strofinato sul muro: era un uomo che, dopo una breve immobilità, rimetteva in moto i propri muscoli. L’uomo si chiese per un attimo come fosse finito lì dentro. Si sforzò di ricordare per … Continua a leggere

La notte di Halloween (1 di 3)

      Il volto del conte C. si deformò in un orrendo ghigno. Reclinò leggermente il capo verso la schiena ed emise un suono gutturale e prolungato. La sua mano sinistra, rugosa ed esile, si chiuse saldamente attorno all’impugnatura del bastone col quale costantemente accompagnava i propri passi. Le lunghe unghie scorticarono appena il legno scuro. «Padrone, allora?» Yorick, … Continua a leggere

Dopo “La prova”

  Il piccolo Jimmy riprese fiato. Chi mai avrebbe creduto che la sua prova di iniziazione sarebbe finita in quel modo? Insomma, aveva ascoltato storie di prove piene di rumori sospetti, strane ombre e inquietanti fruscii, ma un’avventura conclusasi con una fuga per l’intero villaggio, era una novità assoluta. Meno male che aveva trovato una casa con le luci ancora … Continua a leggere