Folgorazione numero nove

 

L’aria umida e bagnata mi avvolge. Al suo contatto sussulto, come all’abbraccio di una vecchia amante perduta da tempo, con la quale condivisi inconfessabili ore. Intorno a me, altro non c’è che il rumore della pioggia che cade, e del vento, che libero va proclamando la sua freschezza al mondo, il mondo che stanco sveste i panni della bella stagione e si copre di splendido, malinconico Autunno. La sera è quasi finita, comincia la notte: le luci della case tacciono, comincia il riposo dei più. Gli altri, foglie ingiallite e bellissime, restano in balia della vita, soli, disperati e felici.

autunno_pioggia_ombrello-b.jpg

 

Folgorazione numero noveultima modifica: 2011-09-28T22:00:00+02:00da carminedecicco
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Folgorazione numero nove

  1. …..Al suo contatto sussulto, come all’abbraccio di una vecchia amante perduta da tempo….. : folgorazione nella folgorazione numero nove…
    Ciao produttore di avvolgenti emozioni. robi

  2. Un immagine davvero meravigliosa … mai termine fu più esatto di folgorazione, oserei dire universale: se è vero che in un attimo mi ha proiettato nei luoghi che sono mie vecchie amanti perdute credo valga per chiunque legga queste righe.
    Grazie per l’emozione.
    A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *