Diciotto riflessioni (III)

Pioggia inizio settembre

Pioveva e, avendo lasciato l’ombrello a casa, ho dovuto inventare di tutto per evitare di farmi il bagno. Poi, una volta al coperto, mi son ricordato che la felpa che indossavo aveva il cappuccio. A volte siamo troppo concentrati sul problema per accorgerci che la soluzione è a portata di mano!

Sant’Antuono e il fuocarazzo

Fuocarazzo

Il fuocarazzo di Sant’Antonio mi ha accompagnato durante tutte le fasi della mia vita. Da piccolo, nel giardino di casa, mio padre accendeva un piccolo falò nel qualche io buttavo qualche botto che mi era avanzato da Capodanno. Cresciuto, sulla Murata, abbiamo organizzato qualche fuocarazzo con gli amici: accendere il fuoco era un’ulteriore occasione per stare insieme, per mangiare un … Continua a leggere

Diciotto riflessioni (II)

Albero spoglio

Non lontano dalle strade principali dei nostri paesi c’è tutto un mondo fatto di masserie e cupe, case costruite in prossimità degli alvei, strade nelle quali si procede a senso alternato, campagne coltivate o semiabbandonate, ma i cui padroni sono conosciuti da tutti nonostante l’assenza di confini divisori, tabelle, indicazioni. Un mondo fatto di ruderi in pietra e capanne di … Continua a leggere

I viaggi a Milano ovvero sulla (leggera) nostalgia

Milano

Negli ultimi tre anni salvo pochissime eccezioni, concentrate in estate, sono andato a Milano almeno una volta al mese. Questo gennaio non dovrebbe accadere: nessuna corsa all’aeroporto o alla stazione, nessun libro da leggere nelle lunghe ore di viaggio sui binari, nessun giornale da sfogliare durante il volo. Niente sottile ansia al gate, davanti al quale mi presentavo con valige spesso … Continua a leggere

La scommessa del martedì

Lotto

Martedì scorso mi è tornata in mente una sorta di tradizione familiare di almeno una decina di anni fa. Ero ancora uno studente e, quasi ogni settimana, di martedì io e mia sorella facevamo compagnia a mio padre che andava a giocare “i numeri al Lotto”. Erano i tempi, se la memoria non mi inganna, in cui c’erano già tre … Continua a leggere

Tra Babbo Natale e la Befana…

Befana

Io tra Babbo Natale e la Befana ho sempre preferito la seconda. Quando ero piccolo era lei che mi portava i doni più belli. E li accompagnava anche con calze ricolme di cose buone da mangiare, che spesso contenevano altri giochini e sorprese. Al di là della qualità e della quantità dei regali, la Befana mi piaceva anche perché testimoniava … Continua a leggere

Diciotto riflessioni (I)

cropped-Alla-ricerca-della-Luna-Rossa-1.jpg

“Chell ca ‘vvo Maria o trov p”a via”. A volte tutto potrebbe andar per il verso sbagliato e in effetti va anche peggio rispetto a quanto temevamo. Altre volte, invece, temiamo di dover affrontare situazioni assai complicate, ma alla prova dei fatti tutto fila liscio, ogni cosa si incastra nel modo giusto, tanto da far venire in mente l’adagio popolare … Continua a leggere

Un 2018 all’insegna del “meno”

Tavola natalizia

Anno nuovo vita nuova. Siamo abbastanza cresciuti per credere ancora a questo proverbio. Però inevitabilmente il primo giorno dell’anno, se pure non cambia la vita, almeno ti spinge a far buoni propositi. Uno di questi potrebbe essere quello di vivere il 2018 all’insegna del segno “meno”. Meno tempo dedicato a cose di poco interesse, meno rabbia e invidia, meno polemiche … Continua a leggere

Il giornale del lunedì sera

prima_pagina_xl

Non ho mai avvertito quell’avversione che in tanti nutrono nei confronti del lunedì. Ho sempre visto ogni lunedì come una ripartenza, come l’occasione giusta per un nuovo inizio, e ciò mi ha insegnato ad apprezzare questo giorno. Un altro motivo che mi lega al lunedì è una piccola tradizione di qualche anno fa. Erano gli anni in cui il fantacalcio … Continua a leggere

Il primo giorno di scuola

formazione

Primo giorno di scuola per tanti alunni di quelle che, un tempo, si chiamavano elementari. Io il primo giorno non lo ricordo. Ma ricordo che, proprio alle elementari, ogni mattina prima di andare a scuola passavo per casa di mia nonna, che puntualmente mi faceva bere l’uovo sbattuto che aveva preparato. Non era il massimo, lo confesso. Non mi piaceva … Continua a leggere