Luna di Città

HO UNA GRANDE CASA IN UNA GRANDE CITTà, / CITTà SIMILE A TUTTE LE ALTRE / CHE COME UN FULGIDO MANTO RICOPRONO / QUESTO NOSTRO PIATTO PIANETA. / OGNI SERA, / DAL LAVORO TORNATO, / MI AVVICINO ALLA GRANDE PARETE, / PARETE VETRATA. / SI OFFRE AI MIEI OCCHI, /  UN PO’ STANCHI PEL LAVORO DEL GIORNO, / L’INTERA CITTà, / L’INTERA GRANDE CITTà. / LE GIALLI E BRILLANTI / ARTIFICIALI LUCI / DECLINANO IL BUIO DELLA notte . / lo aiutano colla lucentezza / ad apparire più nero. / nel cielo, le stelle. / le auto, psichedelici, minuscoli punti, / sfrecciano verso inferni, / verso paradisi. / veloci vivono vite impossibili / per me da conoscere. / vite che io non vivrò. / e così resto per ore, / per ore e ore, / presso la grande parete , / la parete vetrata , / solo, / nella mia casa, / la mia grande casa / in una grande città. / vedo la gente , / persone diverse, / incappottate, / vestite di niente, / con maschere allegre / o di pietosa indigenza/ con maschere di vigorosi ideali, / di consuetudini stanche . / tutto è così /  maledettamente moderno. / LE LUCI, LE INSEGNE, LE / PUBBLICITà, / TUTTO UGUALE IN QUESTA MODERNA, / GRANDE CITTà. / NEL CIELO, LE STELLE. / IMPROVVISA UNA FORZA, /  PERVADE L’ANIMA MIA / E MI SPINGE A SCRIVERE / DI QUESTA GRANDE CITTà /TUTTO QUELLO CHE SENTO: /

 

E odo

un suonar lento

di sax

alla Luna lacrimante

nella notte

consueta e sola.

Sotto questa criptica volta

domando un affetto

per render meno vuota

questa eterna immensità.

 

LUNA.jpg
Luna di Cittàultima modifica: 2009-02-07T10:38:00+01:00da carminedecicco
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Luna di Città

Lascia un commento