Folgorazione numero cinque

 

Non mi resta che giocherellare col mio alito e andare in quest’aria algida che profuma di legna da ardere, castagne e gas di scarico di auto in cosa, tra luci di ogni colore che cercano di illuminare la notte del cielo e del cuore e riportano alla mente Natali passati, doni scartati e malinconiche novene. Anche stasera ascolterò motivetti popolari osservando le lucine intermittenti dell’abete e sperando che il fuoco del camino possa fare evaporare questa strana apatia almeno per un’ora.

Natale,folgorazioni,freddo,legna da ardere,castagne,luci,abete,fuoco,apatia,novene

 

 

Folgorazione numero cinqueultima modifica: 2011-12-18T09:56:00+01:00da carminedecicco
Reposta per primo quest’articolo

14 pensieri su “Folgorazione numero cinque

  1. Ciao Carmine beh i blog i post…son fatti per esser letti e commentati, anche apprezzati quando son scritti con un senso con l’intento di trasmettere e di rievocare, come spesso fai tu. Quindi io apprezzo leggere e ho piacere nel commentare cio’che mi colpisce ed emoziona.
    PS: Per questo post pero’a me serve un arabo che traduca il tutto
    Buona domenica 🙂

  2. E’ stranissimo Carmine, ma io non leggo parole ma solo un’accozzaglia di simboli, asterischi, rombi, segni zodiacali!!! Ma che succede?!??
    In attesa di svelare questo mistero natalizio, ti abbraccio!

  3. Rivelato il mistero natalizio: il carattere che avevo usato per scrivere il post non era leggibile da tutti i browser o da quelli meno aggiornati. Per questo apparivano strani simboli…

  4. Sindrome pre natalizia??? Succede … almeno a me ogni anno. Si susseguono giorni di Natali passati così densi di ricordi profumi e volti ormai andati … fino a che non arriva il giorno di Natale … e comunque vada sai che non ne avrai uno uguale …
    Ciao
    Andrea

  5. Io ho creduto che era un tuo scherzo natalizio, perche i simboli sembravano come decorazioni per le feste 😀 . Comunque, l’ho letto attraverso Microsoft Word e ne e valsa la pena!

  6. ciao Carmine,
    pensavo ad un tuo post criptato (simbolo uguale, lettera uguale) e l’avrei affrontato questa sera con calma. Invece c’è già la soluzione con le tue riflessioni nostalgiche da richiamare “almeno per un’ora”robi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *