Oktoberfest nel bierzelt

Si sedette un attimo, portando la mano destra alla fronte. Tirò quindi un sospiro profondo, cercando così di far ripartire i battiti del suo cuore – e delle sue tempie – a ritmi più regolari. Certo, non era facile con i due sconosciuti che, accanto a lui, ballavano e cantavano a squarciagola usando la panca sulla quale era seduto come una pista da ballo. Alzò lo sguardo verso di loro: dovevano essere tedeschi. Di cerco, erano ubriachi.

Come me, pensò sorridendo. Provò ad alzarsi, ma ritenne più saggio riabbassarsi immediatamente: aveva paura di cadere! Cercò quindi di concentrarsi su qualcosa che non si muovesse vorticosamente a differenza delle centinaia di persone che affollavano il bierzelt. Prese allora a fissare il soffitto giallo, ma i canti, la musica, gli schiamazzi, i brindisi, il forte odore di birra, gli rendevano difficile pensare ad altro al di fuori dell’Oktoberfest.

Stette così un paio di minuti, poi, improvvisamente, fu assalito da una preoccupazione. Aveva appena ricordato, infatti, che in realtà nel bierzelt della Paulaner non ci era arrivato solo. Dov’era finito il suo amico? E la sua tracolla? L’attimo di terrore per la sensazione di essersi smarrito e di aver perso soldi e documenti, però, durò poco: «O’Zapft is!» lo apostrofò il compagno, passandogli la tracolla.

«Sei ubriaco perso» gli disse un attimo dopo, un po’ a mo’ di rimprovero, un po’ divertito.

Si sentì in colpa, ma poi l’odore di salsicce e sauerkraut che erano appena arrivate al tavolo vicino gli riempì il naso e lo fece distrarre.

Distrazione ancor maggiore furono le due bionde che gli passarono accanto, urtandolo nel tentativo di farsi spazio.

«Sorry» disse una, sorridendo radiosa.

«No problem» riuscì a rispondere lui, un attimo prima di provare a baciarla. La sorpresa fu doppia: dapprima si meravigliò di se stesso, giovane timido che mai avrebbe immaginato di tentare un gesto tanto audace, poi si meravigliò che la bionda non lo respinse.

Quando smisero di baciarsi, la guardò meglio. Indossava il dirndl, il tipico abito con grembiule bavarese, così come la sua compagna. Lui cercò con sguardo complice l’amico, gli strizzò l’occhio e prese la ragazza sottobraccio.

«Andiamo a passeggio per il Theresienwiese» riuscì a dire prima di cadere.

Oktoberfest.JPG

Oktoberfest nel bierzeltultima modifica: 2013-10-06T21:42:25+02:00da carminedecicco
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *