I giorni del contagio (21)

Quell’anno che sembrava appena cominciato vede adesso iniziare il suo quarto mese. Chi l’avrebbe detto, salutando il 2019 e dando il benvenuto al 2020, che tempo qualche mese e saremmo finiti così, chiusi in casa oppure in giro solo se muniti di guanti e mascherine, con l’obbligo di evitare affollamenti e la paura di stringere mani, non solo agli sconosciuti ma anche agli amici. Eppure ormai abbiamo accettato questo stato delle cose, che ormai è certo si prolungherà fin dopo Pasqua in tutta Italia. Quando ne usciremo e saranno passati mesi, certo ci farà strano ripensare a quella che oggi è la quotidianità. C’è molto da fare in questi giorni tra l’ufficio e il giornale. Un vento freddo ha preso a soffiare nonostante un sole ritrovato: sembra quasi portare con sé la neve che è caduta sulle montagne lontane del mare. Sul Monte Somma gli alberi che dominano lo spiano che ospita la cappella di Sant’Angelo sembrano così vicini, eppure non sono mai stati tanto difficili da raggiungere.Veduta da Sant'Angelo

I giorni del contagio (21)ultima modifica: 2020-04-01T18:00:51+02:00da carminedecicco
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento