Folgorazione numero dieci

 

folgorazioni,cielo,vento,alberi,legno,caldarroste,poesia dell'attimo,lacrime,contemplazione,silenzio

Spinto da una parte indefinibile del mio io sono uscito di casa e ho preso a passeggiare sotto il cielo immobile, guardando gli alberi ora leggermente sfocati dal vento, ora stagliati con serietà ed evidenza sulle bianche nuvole. Accarezzato dal profumo delle caldarroste e della legna arsa nei camini delle vicine case, ho camminato e camminato a lungo, ripercorrendo i miei passi in attonita contemplazione. Muto ho ascoltato i consigli del silenzio, poi ho pianto, ho pianto di gratitudine senza lacrime. Infine sono tornato, triste, consapevole dell’estrema rarità di momenti come quello appena vissuto e che già lentamente spariva, inesorabile e tenue.

 

Folgorazione numero dieciultima modifica: 2011-12-02T09:12:24+01:00da carminedecicco
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Folgorazione numero dieci

  1. Guardare la natura e contemplare dentro se stessi in un unico indivisibile … poi doloroso il ritorno alla umana condizione …
    Quante volte queta sensazione
    Buona Giornata
    Andrea

  2. Molto profondo nella sua semplicita questo testo! Mi hai trasmesso perfettamente il tuo stato di pace e armonia con tutta la vita intorno a te in quelli momenti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *