Anno nuovo senza rifiuti

Rifiuti in strada.JPG

MASSA DI POLLENA – “Anno nuovo, vita nuova”, è questo il motto dell’Amministrazione di Centro-Destra-Sinistra alla guida del comune vesuviano di Massa di Pollena, in provincia di Napoli. Il 2010 sarà infatti un anno ricco di iniziative e migliorie per la vita dell’intera cittadinanza. Anzitutto, si cercherà di porre finalmente rimedio all’annosa questione dei rifiuti in strada, uno dei problemi più gravi che attanaglia il piccolo paese. A dire il vero i numerosi provvedimenti adottati finora dal Sindaco e dall’Assessore all’Ambiente non sembrano aver sortito alcun tipo di effetto, ma questo, accadeva nell’ormai lontano 2009.

«Il nuovo anno sicuramente vedrà un’inversione di tendenza nella gestione e nello smaltimento dei rifiuti solidi urbani» ha affermato il primo cittadino di Massa di Pollena, il dottor Ferdinando Cappinri, leader del Pdl locale, nonché esponente di spicco del Partito Democratico. «Questi appena trascorsi sono stati giorni di vacanza per tutti, ma non per noi – ha continuato – che abbiamo alacremente lavorato per assicurare una città più pulita e vivibile ai nostri concittadini».

I frutti di tanto lavoro saranno visibili immediatamente: con l’ordinanza 01/2010 infatti, i principali responsabili delle vie cittadine sporche a causa dei rifiuti abbandonativi da chi ostinatamente si rifiuta di differenziare i propri scarti, non dormiranno più sonni tranquilli. D’ora in avanti infatti tutti i cani o i gatti che saranno sorpresi a rovistare tra le maleodoranti e fetide sacche dell’immondizia di vario colore e dimensione che giacciono sui marciapiedi delle strade più isolate della cittadina potranno essere immediatamente abbattuti.

«In effetti, anche se è vero che a sversare i rifiuti in maniera illegale non sono né gatti né cani – ha sottolineato l’Assessore all’Ambiente Mario Daniele – essi sono i principali responsabili dell’aumento della sporcizia lungo le vie, in quanto rovistano tra i rifiuti, li sparpagliano, e li spostano facendoli finire talvolta all’interno della carreggiata, aumentando così i rischi per l’incolumità degli automobilisti». «Come se le buche e i dossi irregolari non bastassero» ha aggiunto poi in polemica con il suo collega, l’Assessore alla viabilità, col quale si vocifera abbia di recente avuto un alterco a causa di una divergenza di idee su chi dei due dovesse essere il candidato per il consiglio regionale alle prossime elezioni di Marzo.

Il provvedimento ha già suscitato polemiche, com’era prevedibile. L’Opposizione in effetti ha lamentato l’eccessiva magnanimità degli estensori della legge, rei di prendersela solo con cani e gatti, quando poi è risaputo che anche gli agenti atmosferici – pioggia e vento su tutti – concorrono a sporcare le vie. Immediata la risposta della Maggioranza che ha accusato la Minoranza di «saper come al solito soltanto criticare, senza mai proporre nulla di concreto». Insomma, va bene additare colpe e problemi, ma bisogna anche fornire eventuali soluzioni.

Resta teso, quindi, il clima all’interno del Consiglio Comunale, anche se ciò non ha impedito a tutti i Consiglieri di votare all’unanimità a favore dell’espulsione dalla Pubblica Assise di Ciro Borrelli, esponente della lista civica X Massa, che in un’interrogazione rivolta al Sindaco aveva sostenuto che «i principali responsabili del problema rifiuti sono gli uomini di questa città, quelli che i rifiuti li gettano in strada, e non le bestie che li sparpagliano». Raggiunto telefonicamente il Presidente del Consiglio Comunale a proposito dell’accaduto ha rilasciato soltanto una laconica dichiarazione: «I cittadini pagano le tasse. Cani e gatti no».

Gianluca La Stampa

Anno nuovo senza rifiutiultima modifica: 2010-01-09T14:58:00+00:00da carminedecicco
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Anno nuovo senza rifiuti

  1. Singolare coincidenza, i nostri rispettivi ultimi post parlano di rifiuti, di cani e di gatti.
    Leggere di un’iniziativa positiva in un comune dalle vostre parti è sempre un segno di speranza. Poi la malizia nel retrocranio cerca una congettura di interessi. Speriamo che a pensare male questa volta si faccia solo peccato e basta.
    Ciao, a presto

Lascia un commento