L’Epifania tutte le feste porta via

EpifaniaNon c’è stato niente da fare.
Eppure mi ero preparato bene, anche con largo anticipo. No, non è che avevo proprio approntato un piano preciso, di quelli che si schematizzano su cartelloni e si indicano con nomi buffi tipo “Piano oh oh oh” oppure “Nome in codice: Babbo Natale”. Però il mio l’avevo fatto, come si dice dalle mie parti. Mi ero armato di tutto punto – armi improvvisate, ovviamente, ma pur sempre capaci di far male – per impedire all’Epifania di «tutte le feste portar via». Già, perché questa cosa a me non è mai andata giù. Fin da piccolo mi hanno sempre detto che: «l’Epifania tutte le feste porta via». Ma poi chi è st’Epifania? La sorella cattiva della Befana? Se così fosse, la loro sarebbe davvero una famiglia sui generis, con una sorella che porta le calze piene di dolciumi e i regali, e l’altra che fa finire tutte le feste. Come dite? Mi sbaglio? L’Epifania è una festa? Ma se così fosse come può arrogarsi il diritto di portarsi via tutte le altre?
Secondo me vi sbagliate: l’Epifania è una maga, di quelle cattive però. Soggioga la volontà di tutti e impone loro di togliere alberi di Natale, presepi e addobbi vari. Ma avete fatto caso a quanto sia triste la casa dopo il 6 Gennaio? Pare più grande e spaziosa, ma al tempo stesso meno allegra e festosa. Quasi non la si riconosce più. Ecco, per evitare tutto questo – e così torniamo a quanto dicevo all’inizio – io quest’anno mi ero preparato per impedire che l’Epifania portasse a termine la sua odiosa missione. Più che una lotta non violenta, come quella della Piccipù che si piazza davanti all’abete per evitare di farlo spogliare dagli addobbi e non si sposta fino a quando non la portano via a forza, la mia doveva essere una tattica maggiormente offensiva. Pronto a battermi per prolungare le feste! Con le armi, ma anche a mani nude, se necessario.
Tuttavia, lo dicevo prima, tutto è stato vano. Stavolta l’Epifania ha spalmato la propria invisa azione su più giorni, evitando una battaglia campale con me e preferendo una strategia diversa, fatta di piccoli assalti ripetuti. È pure una buona stratega, oltre ad essere una perfida maga! Un po’ il 6, un po’ il 7 e un po’ l’8 di Gennaio i segni della festa sono spariti. E così mi ritrovo senza più addobbi per casa, senza luminarie, senza il cartellone del brainstorming e senza altre cose del genere. Alla fine mi son dovuto arrendere e ho anche riposto nel ripiano alto dell’armadio pigiami, calzini e boxer rossi.
Ma sapete cosa vi dico? L’anno prossimo mi preparo ancora meglio. E vedremo chi la spunterà. Ma poi, voi per chi fate il tifo? Per me o per l’Epifania? Se volete collaborare alla mia giusta battaglia siete i beneaccetti, badate bene! E se anche non posso offrirvi uno stipendio, almeno avrete la gloria nonché il riconoscimento di tutti per aver prolungato il periodo delle feste.
Che dite? C’è chi vuol far finire le festività? E perché mai?
Sì, in effetti se Natale durasse tutto l’anno sarebbe meno bello. E sì, se Natale durasse tutto l’anno non avremmo altre feste e altre tradizioni come quella del fuocarazzo di Sant’Antonio, del Carnevale, di Pasqua e via dicendo. Non ci sarebbe l’estate né Halloween, Ferragosto né la scampagnata del Mercoledì delle Ceneri. Capisco, capisco, però…
Beh, devo riconoscere che se ogni giorno fosse festa, le feste non le attenderemmo con tanta trepidazione. Uff…sono costretto a darvi ragione: ogni periodo dell’anno ha le proprie feste e le proprie tradizioni, ed è bello viverle tutte appieno, piuttosto che concentrarsi esclusivamente su una.
Sì, sì, avete ragione. Però io il prossimo anno almeno una contusione voglio provocarla lo stesso all’Epifania. Giusto così, per togliermi lo sfizio…

L’Epifania tutte le feste porta viaultima modifica: 2012-01-09T18:27:00+01:00da carminedecicco
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “L’Epifania tutte le feste porta via

  1. Giorno dopo giorno si e’portata via tutto 🙁 A me le lucine per strada rallegrano sempre…Dicembre e’un mese magico! Se mi chiami ti do’una mano con la befana!!
    Buona serata Carmine 🙂

  2. Beh almeno un calcetto sugli stinchi hai ragione se lo merita! Il mio albero risponde alle leggi della pigrizia e ancora campeggia in salotto con tutti i suoi orpelli e qualche dolcetto riposto in dispensa c’è ancora. Scampoli di un altro Natale passato … stamattina in ufficio già ci si chiedeva in che settimana cade la Pasqua …
    Ciao
    Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *