Folgorazione numero nove

 

L’aria umida e bagnata mi avvolge. Al suo contatto sussulto, come all’abbraccio di una vecchia amante perduta da tempo, con la quale condivisi inconfessabili ore. Intorno a me, altro non c’è che il rumore della pioggia che cade, e del vento, che libero va proclamando la sua freschezza al mondo, il mondo che stanco sveste i panni della bella stagione e si copre di splendido, malinconico Autunno. La sera è quasi finita, comincia la notte: le luci della case tacciono, comincia il riposo dei più. Gli altri, foglie ingiallite e bellissime, restano in balia della vita, soli, disperati e felici.

autunno_pioggia_ombrello-b.jpg

 

Folgorazione numero noveultima modifica: 2011-09-28T22:00:00+00:00da carminedecicco
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Folgorazione numero nove

  1. Un immagine davvero meravigliosa … mai termine fu più esatto di folgorazione, oserei dire universale: se è vero che in un attimo mi ha proiettato nei luoghi che sono mie vecchie amanti perdute credo valga per chiunque legga queste righe.
    Grazie per l’emozione.
    A.

Lascia un commento