Autunno

Autunno non è qualche foglia caduta dopo la lunga estate che muta; qualche nuovo colore, più smorto, nell’aria; qualche ramo torto; il vento che soffia più forte; il buio di giornate più corte.   Autunno È la condizione dell’anima mia quando la solita malinconia che con me vive ogni giorno prende a cullarmi e guardarmi intorno e farmi credere che … Continua a leggere

La distanza del ritorno

L’Illusionista era alla guida della sua vettura. Schiacciava il piede sul pedale dell’acceleratore e chiacchierava con i suoi due amici. Uno seduto alla sua destra, l’altro sul sedile posteriore. Ragazze, il solito argomento. Sono riuscito a procurarmi il numero di questa, non sono più uscito con quella. Si parlava per coprire la distanza. La distanza del ritorno. Come ogni quindici … Continua a leggere

Nel grigiore

Forse Questa pioggia che bagna il mondo intero Rendendo l’aria triste e la terra umida Bagna anche te ora Presso la tua nuova dimora Presso la tua lontana dimora Presso la tua inconoscibile casa. Cosa pensi osservando Le pesanti e interminabili gocce Cadere e dare alla luce effimeri rivi Non lo posso sapere: Troppo distano i tempi dei giornali Dei … Continua a leggere

La monade

Dietro il varco da obliare il tuo dolce saluto mi giungeva lucente nell’aria scura e oscura assembrata di nuovi e secolari grumi recando seco le gioie tutte di un Eden senza tempo inconscio delle devianze del bene e delle sue dimenticanze. Nell’assenza della vita del senso e delle parole ultime imporrò la tua Icona adorandola devoto per la sua metafisica. … Continua a leggere

Luna di Città

HO UNA GRANDE CASA IN UNA GRANDE CITTà, / CITTà SIMILE A TUTTE LE ALTRE / CHE COME UN FULGIDO MANTO RICOPRONO / QUESTO NOSTRO PIATTO PIANETA. / OGNI SERA, / DAL LAVORO TORNATO, / MI AVVICINO ALLA GRANDE PARETE, / PARETE VETRATA. / SI OFFRE AI MIEI OCCHI, /  UN PO’ STANCHI PEL LAVORO DEL GIORNO, / L’INTERA CITTà, … Continua a leggere

Il reduce

Il reduce ha mani troppo ruvide per accarezzare senza ferire e conosce solo poche parole per dar voce al suo cuore. … Come un cane senza padrone resta solo richiusa la porta alle spalle con le imberbi seduzioni consunte come rose dal sole, … ha immensa nostalgia dei suoi tempi: ripensa a suo padre, a sua madre e ricorda tradizioni … Continua a leggere

La festa

È nell’altra stanza che si tiene la festa, che è tutto un brindare di calici pieni che è tutto un vociare, un allegro scherzare. … In questa stanza tra queste imperscrutabili mura invece è solo eterno rimpianto ed eterno dolore contorni sfocati e pianti dannati. Sensi di colpa che avvolgono tutto. … Ma quello che è peggio, ciò che non … Continua a leggere