Via Casa dell’Acqua

Periferia del mondo 02.JPG

Enormi, grossi ponti di cemento

Sorreggono strade ferrate, strade asfaltate

Che collegano al niente il nulla

Immobili e stanche

Affollate da fari veloci nella notte perenne.

Il cielo sembra avere un altro colore

Metallico ed allucinante

Sintonizzato su un tramonto irreale

Sconosciuto e lontano in chissà quale città.

Suoni fumi odori diversi

Lo gremiscono e lo scherniscono, fors’anche

Mentre un’inesplicabile, prepotente inquietudine

S’ammanta, inesorabile e lenta,

Su di me, la gente, le case, le cose,

La mia ricerca

Tra luoghi senza identità, memoria, passato

E delle acque che affiorano

Non resta che un oscuro rumore

E qualche lacrima dipinta di nero

Qui, nella desolante periferia del mondo.

Periferia del mondo 01.JPG
Via Casa dell’Acquaultima modifica: 2009-10-08T18:03:00+02:00da carminedecicco
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Via Casa dell’Acqua

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *