I giorni del contagio (17)

Tramonto

Il cielo al tramonto assume un colore stupendo, sfumature di viola e di blu si stendono sui tetti dei palazzi lontani. Nell’altra stanza Anita è impegnata in una videochiamata con gli ex colleghi di Milano, io metto in pausa tutto e mi concedo qualche minuto per ammirare lo spettacolo, che a partire da domani si terrà un’ora più tardi: come … Continua a leggere

I giorni del contagio (16)

Papa a Piazza San Pietro

Sono le nove passate, ma a guardare la facciata della casa comunale non si direbbe. Le finestre del balcone, quelle accanto ad esso e sopra di esso sono più chiuse che aperte e questo fa risaltare ancor più i tricolori istallati qualche giorno fa, quando tutte le radio, insieme, lasciarono liberarsi nelle nostre auto, nei nostri uffici, nelle nostre camere … Continua a leggere

I giorni del contagio (15)

Giochi olimpici

Continua il maltempo, continuiamo a osservare le disposizioni che limitano pesantemente la libertà di tutti noi sperando che si arrivi al picco dei contagi e che poi le positività al covid 19, i ricoveri, le intubazioni, le morti prima calino e poi si fermino del tutto. Pare che ci vorrà molto tempo ancora, che la reclusione continuerà, e che pure … Continua a leggere

I giorni del contagio (14)

La Primavera che non arriva

Oggi abbiamo riacceso i riscaldamenti, la primavera appena iniziata si è già presa una pausa. Il vento dell’altro giorno ha lasciato il posto a una pioggia insistente, anche se non forte. La giornata trascorsa interamente a casa sembra più lunga, ma organizzare tempi e impegni non sempre è facile. Ci si divide tra ritmi rallentati, scadenze in bilico e minori … Continua a leggere

I giorni del contagio (13)

Pechino Express

Mangio un plumcake guardando Pechino Express e ripensando a questa giornata che, stanca, si avvia a conclusione. Ho accompagnato Anita a lavoro percorrendo un Asse Mediano insolitamente poco trafficato e, dopo una giornata di lavoro trascorsa quasi completamente in solitaria, sono andato a riprenderla percorrendo di nuovo una strada pressoché libera. A pochi metri da casa la polizia municipale ci … Continua a leggere

I giorni del contagio (12)

Fonte foto: rete internet

Il cielo è stato grigio per tutto il giorno. Ha tenuto il sole nascosto, fatto abbassare le temperature. Ha fatto freddo, oggi, c’è stato vento, e ancora adesso soffia e ulula su una città a quest’ora pressoché deserta. È l’unico rumore, quello del vento, in questo lunedì sera che di primaverile non ha che la data: dalla casa della vicina … Continua a leggere

I giorni del contagio (11)

Durango

Stamattina niente sveglia. Circostanza che, come immaginavo, comunque non mi ha aiutato a dormire meglio. Sveglio nel letto ho provato invano a capire che ora fosse ascoltando i rumori provenienti dalla strada, ma c’era troppo poco traffico e troppa poca gente per trarre informazioni utili. Neanche la luce che filtrava dalle porte e dalle finestre mi diceva granché. Così mi … Continua a leggere