Il giorno dei morti

Varcherò una volta ancora le plutonie rive 

per omaggiare i cari miei defunti –

venerande figure nell’infante mia memoria –

in questa fallace, fredda estate

che a breve svanirà,

spalancando le porte dei tempi a gelidi giorni

e lunghe, rigide notti.

 

Lungo il cammino ne incontrerò di gente,

con i volti avvizziti, segnati da rughe,

induriti dagli anni trascorsi

e dalla paura del domani serbato.

 

Procederò nell’aria gemmea e chiara

ripensando al caro tempo antico,

ai nonni miei e del mondo,

ad un Eden ricoperto di polvere

e ora illuminato da un sole che non scalda.

 

Lungo il cammino ne incontrerò di gente,

con volti sbarbati, lisci, felici

ed occhi sereni, dell’avvenire fidati

non intaccati dal Germe più grave.

 

Giungerò infine presso i sepolcri,

eterne valenti dimore,

confissi nella terra negra e fredda

ma aperti all’inimmaginato Mondo

dove solenne e pia risuona la Campana.

 

Lì sosterò a lungo…

 

Immagine.JPG

Il giorno dei mortiultima modifica: 2009-11-02T00:15:00+01:00da carminedecicco
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento